Mese: Gennaio 2022

Attività didattica esente da IVA anche se svolta “a distanza”

L’esenzione dall’IVA prevista per le prestazioni di insegnamento è applicabile indipendentemente dalla modalità di fruizione, in presenza o a distanza, in quanto anche le prestazioni svolte attraverso una piattaforma on line non mutano natura, non qualificandosi, in particolare, come servizi elettronici. L’esenzione, però, presuppone che l’attività di formazione, in presenza e a distanza, sia svolta […]

Avviare l’attività di massaggiatore professionista

Articolo del Dott. Giuseppe Ramuglia Nel presente articolo sono trattati tutti gli steps necessari per l’avvio dell’attività di massaggiatore freelance in Italia.Partendo dal presupposto che nella maggior parte dei casi la figura del massaggiatore professionista è assimilata ad un dipendente stipendiato dall’hotel, dalla spa o dal centro per il quale presta lavoro subordinato, è possibile […]

L’esercizio del diritto alla detrazione: le fattura a “cavallo” dell’anno

Con l’ingresso nel 2022 è possibile che i contribuenti abbiano ricevuto una o più fatture recanti data dicembre 2021 e riferibili ad operazioni effettuate nell’ultimo mese dell’anno. Si pone il problema di individuare il momento a partire dal quale l’Iva potrà essere considerata in detrazione (art. 19 del D.P.R. n. 633/1972).

Lo svolgimento delle assemblee di società ed enti, è prorogato al 31 luglio 2022

Assemblee da remoto: nuovo intervento del “Milleproroghe” La pandemia che ci ha interessato negli ultimi due anni ha sicuramente messo a dura prova l’attività dell’Esecutivo e del Legislatore, come testimoniato dal fatto che, talvolta, abbiamo assistito all’emanazione di norme non sempre tra loro coordinate.

Investimenti in beni materiali strumentali 4.0: il requisito dell’interconnessione

La circolare AdE 9/E/2021 ha per oggetto il “Credito d’imposta per investimenti in beni strumentali nuovi – Articolo 1, commi da 1051 a 1063, della legge 30 dicembre 2020 n. 178 (legge di bilancio 2021) – Risposte a quesiti” e chiarisce diversi punti critici sollevati dalla “trasformazione” del beneficio, da maggiorazione del costo rilevante agli […]

Banca dati delle strutture ricettive accessibile al fisco

Modificata la disciplina riguardante la creazione di una banca dati delle strutture ricettive e degli immobili destinati alle locazioni brevi. Ora, per le esigenze di contrasto all’evasione fiscale e contributiva, la banca dati è accessibile all’Amministrazione Finanziaria degli enti creditori per le finalità istituzionali.

Nuovi limiti per la circolazione del contante e sanzioni Pos

In forza delle disposizioni introdotte dall’articolo 18 D.L. 124/2019, dal 1° gennaio 2022 il limite per la circolazione del contante è passato dai precedenti 1.999,99 euro a 999,99 euro. La richiamata disposizione, infatti, aveva previsto una progressiva riduzione della soglia alla quale è riferito il divieto, che, da 3.000 euro è passata a 2.000 dal […]

Contabilità semplificata per cassa virtuale: la gestione delle fatture emesse a fine anno

Secondo l’interpretazione fornita dall’Agenzia delle Entrate con la Circolare AdE 11/E del 13 aprile 2017, il contribuente in regime di contabilità semplificata per cassa virtuale (ovvero con opzione ex articolo 18 comma 5 del D.P.R. 600/73) può – semplicemente andando ad agire sulla data di registrazione delle fatture emesse nel mese di dicembre 2021 – […]

Strutture turistiche: definite le modalità applicative di CFP e crediti d’imposta

Il Ministero del Turismo ha definito le modalità applicative per l’erogazione di contributi e crediti d’imposta a favore delle imprese turistiche, previsti dagli articoli 1 e 4 del DL PNNR n. 152/2021.

Bonus edilizi e compensi professionali: i pagamenti effettuati in prossimità della fine del 2021

I pagamenti effettuati in prossimità della fine dell’anno nascondono numerose insidie. Pertanto, laddove è possibile, sarebbe bene evitare questa prassi potendosi verificare un disallineamento temporale tra il soggetto che dispone il pagamento e il soggetto che lo riceve. Un eventuale ritardo nell’addebito della somma potrebbe determinare sgradite soprese ai contribuenti.

Torna su