Irpef

I prelievi dai conti non fanno ricavi

I prelevamenti operati dal lavoratore autonomo dai propri conti correnti non sono automaticamente riferibili ad un investimento nell’ attività professionale destinato a generare ricavi imponibili, spettando semmai all’ Amministrazione provare che, se ingiustificati, siano stati utilizzati dal libero professionista per acquisti inerenti alla produzione del reddito. È il principio confermato dall’ ordinanza n. 10290/2021 della […]

Dividendi e utili percepiti da persone fisiche e società di persone: come tassarli

In presenza di utili, le società possono decidere di distribuirli ovvero di allocarli a riserve del patrimonio netto, ma, in ogni caso, è necessario porre in essere una serie di adempimenti. Le società di capitali, per esempio, devono redigere un verbale di assemblea dei soci che approvano la proposta degli amministratori circa la distribuzione dei […]

Studio Ramuglia Informa

Decreto Sostegni: le novità Presentazione dell’istanza per il “CFP Sostegni” Scioglimento dell’impresa familiare Credito d’imposta betoniera con pompa

Il regime fiscale forfettario. Riepilogo dei casi di esclusione

La L. 190/2014 all’articolo 1, commi da 54-89 (Finanziaria 2015) ha introdotto nel nostro ordinamento, a decorrere dal 1° gennaio 2015, il regime forfettario, destinato alle persone fisiche esercenti attività d’impresa o di lavoro autonomo che rispettano determinati requisiti

Detrazione 19%: la complessa “traccia” del pagamento tracciabile

Suona come un gioco di parole, ed in effetti lo è, ma non sarà divertente: la circostanza che la detrazione IRPEF del 19% sia, a partire dal 1° gennaio 2020, subordinata all’avvenuto pagamento con strumenti tracciabili comporta un super lavoro del quale, francamente, avremmo volentieri fatto a meno.

L’inquadramento fiscale delle somme erogate dalla STP ai propri soci

E’ consentita la costituzione di società per l’esercizio di attività professionali regolamentate nel sistema ordinistico secondo i modelli societari regolati dai titoli V e VI del libro V del Codice Civile

Spese tracciabili: detrazione del 19% anche se paga il coniuge

L’Agenzia delle entrate precisa che al fine di poter beneficiare della detrazione IRPEF del 19% con riguardo alle spese per le quali sussiste l’obbligo di tracciabilità, è possibile utilizzare la carta di credito intestata al coniuge, a condizione che la spesa sia effettivamente sostenuta dal soggetto intestatario del documento di spesa

Spese tracciabili: detrazione del 19% anche se paga il coniuge

L’Agenzia delle entrate precisa che al fine di poter beneficiare della detrazione IRPEF del 19% con riguardo alle spese per le quali sussiste l’obbligo di tracciabilità, è possibile utilizzare la carta di credito intestata al coniuge, a condizione che la spesa sia effettivamente sostenuta dal soggetto intestatario del documento di spesa.

Acquisto di mascherine protettive: quando è possibile detrarre le spese

Le spese per l’acquisto di mascherine protettive classificate, in base alla tipologia, quali “dispositivi medici” dai provvedimenti del Ministero della Salute o che rispettano i requisiti di marcatura CE, sono detraibili, ai fini IRPEF, nella misura del 19%.

Doposcuola e ripetizioni private: come mettersi in regola

Insegnamento privato, ripetizioni e servizi di supporto extrascolastici: qual è la modalità corretta e più conveniente per esercitare l’attività?

Torna su